Skip to content

News RSS

Meghan Trainor torna con “No excuses”, anticipo del nuovo disco

Meghan Trainor torna con “No excuses”, anticipo del nuovo disco

 

 Meghan Trainor è tornata con un potente inno pop in onore delle donne: “NO EXCUSES”, disponibile in digitale (in radio dal 9 marzo).

«Amo il fatto che così tante donne si stiano mobilitando per ciò che è loro diritto», ha raccontato la cantautrice, vincitrice di Grammy e multi-strumentista, «per questo ho voluto scrivere per tutte noi una canzone così potente. A volte le persone mi trattano con superiorità perché sto facendo questo lavoro solo da 4 anni: è questo il motivo che mi ha spinto a scrivere la mia versione moderna di R-E-S-P-E-C-T. È tutto sull’uguaglianza dei diritti e sull’essere gentili».

Il singolo, scritto da Meghan insieme ai cantautori JKash and Andrew Wells, anticipa l’uscita del suo nuovo album prevista per i prossimi mesi.

“NO EXCUSES” è stata prodotta da Andrew Wells insieme a Meghan stessa e mischia sapientemente delle linee di basso potenti, chitarre e synth vivaci con un ritornello molto catchy. La musica allegra e vivace in realtà sottende un messaggio profondo nell’hook: “Tua madre ti ha cresciuto meglio di tutto ciò”.

Oltre al singolo Meghan ha pubblicato anche il video ufficiale, diretto da Colin Tilley, dove appare più sicura di sè e carismatica che mai (per vederlo: http://bit.ly/2GRgx3i).

Se la felicità avesse una colonna sonora sarebbe questo nuovo album della Trainor. Meghan ha superato un terribile intervento alle corde vocali che l’ha lasciata 4 mesi in ansia senza parlare e ha dimostrato di essere una vera forza della natura. Ha ricaricato se stessa con cura e ha incanalato questa energia dentro a nuova musica. Prima ha registrato tutto con Wells e poi ha aggiunto un tocco “famigliare” in ogni pezzo: ha creato un coro che comprendeva sua mamma, suo papà, i fratelli e il fidanzato ed ecco pronte le voci d’accompagnamento. É indubbiamente il suo album più grande, bello e luminoso mai fatto prima.

 

Per Meghan Trainor tutto è cominciato nel 2014 con “All About That Bass”, la canzone che l’ha fatta conoscere al mondo intero e che ha fatto di lei una superstar, certificata doppio platino in Italia. Diventato un vero e proprio fenomeno culturale, il singolo è rimasto per otto settimane al numero 1 della Hot 100 di Billboard, diventando così “il brano di un artista Epic Records ad aver detenuto per più tempo la posizione numero 1 nella Hot 100” e “quello di un’artista femminile ad aver detenuto per più tempo la posizione numero 1 nella Hot 100 nel 2014”.  Grazie a “All About That Bass”, Meghan Trainor è una delle cinque artiste al mondo ad aver ricevuto il disco di DIAMANTE.

 

Il successo di Meghan è proseguito con il singolo “Lips Are Movin” (oro in Italia), è proseguito nel 2015 con “Like I’m Gonna Use It”, in duetto con John Legend, oro in Italia, mentre nel 2016 con “No” (oro in Italia), estratto dal suo secondo album “Thank You”. Importante per la carriera di Meghan Trainor è stato anche il featuring nella mega-hit mondiale “Marvin Gaye”, singolo di debutto di Charlie Puth che ha raggiunto il triplo platino in Italia.

 

Oltre alla vittoria ai GRAMMY® 2016, ai quali si è aggiudicata il premio come “Best New Artist”, Meghan ha collezionato record e cambiato il panorama della musica e della cultura pop. Nel 2016 si è aggiudicata il premio “Favorite Album” ai People’s Choice Award con l’album d’esordio “Title”, certificato disco di platino dalla Recording Industry Association of America che nel 2015 non solo ha debuttato al numero 1 nella classifica Top 200 di Billboard, ma è anche diventato il “primo album d’esordio numero 1 in classifica di un’artista femminile solista da cinque anni a questa parte”. Si è inoltre distinto come “Uno dei soli sette album ad aver venduto oltre un milione di copie nel 2015”.

 

Meghan Trainor ultimamente ha partecipato alla prima stagione dello show “THE FOUR” in onda su Fox. Pubblica oggi il primo singolo del suo terzo album che sarà più grande che mai.

 

Mina torna il 23 marzo con nuovo album di inediti, “MAEBA”

Mina torna il 23 marzo con nuovo album di inediti, “MAEBA”

Dopo “Selfie” nel 2014 e il grande successo di MinaCelentano “Le migliori” e “Tutte le migliori” che ha collezionato 6 dischi di platino, il 23 Marzo esce “MAEBA”, il nuovo album di MINA con 12 tracce inedite e una sorpresa per gli appassionati.
Volevo scriverti da tanto è il primo singolo in radio e in digitale dal 9 marzo che sigla il nuovo progetto discografico della più grande voce italiana di sempre.

“Volevo scriverti da tanto” è una di quelle ballad melodiche che colpiscono al primo ascolto per l’emozione che suscitano e l’atmosfera che sanno creare: una di quelle canzoni che hanno bisogno di una grande interprete per esprimersi in tutta la loro pienezza.
L’autore della musica è Moreno Ferrara, che tutti conosciamo da anni per essere uno dei più titolati coristi italiani; l’autrice del testo, che è una struggente lettera ad una persona che forse nemmeno potrà leggerla, è Maria Francesca Polli, che ha nel suo curriculum collaborazioni con Roby Facchinetti, Claudio Baglioni, Franco Fasano, oltre ad aver curato la versione italiana di molte canzoni Disney e ad aver vinto più edizioni dello Zecchino D’Oro.

La produzione e l’arrangiamento di “Volevo scriverti da tanto” sono firmati da Massimiliano Pani, che è anche il produttore di tutto il nuovo album.
Maeba, già disponibile in pre-order, uscirà in 3 versioni: CD digipack, edizione limitata Vinile black (1500 pezzi) e esclusiva Amazon Vinile picture (500 pezzi).

 

Ron in gara al Festival con un brano inedito di Lucio Dalla

Ron in gara al Festival con un brano inedito di Lucio Dalla

RON sarà in gara al 68° Festival di Sanremo con “ALMENO PENSAMI”, brano inedito del grande LUCIO DALLA, che gli è stato assegnato personalmente dal Direttore Artistico Claudio Baglioni attraverso gli eredi che lo hanno custodito in questi anni e ne hanno autorizzato la pubblicazione al Festival.

Quando Baglioni, tramite Marcello Balestra, ci ha contattato per avere Lucio al Festival con un suo brano inedito – racconta Daniele Caracchi di PressingLine storica etichetta di Lucio Dalla – il nostro primo pensiero positivo è stato quello di poter festeggiare il suo 75° compleanno a Sanremo, tutti assieme, noi e i suoi amici di sempre. Quindi pensate quando ci è stato proposto Ron quale sia stata la nostra gioia, perché nessuno meglio di Lui può interpretare una delle ultime opere scritte da Lucio. Sicuramente questo brano non poteva essere in mani migliori.

“ALMENO PENSAMI” è una canzone d’amore ricca di suggestioni che farà rivivere sul palco dell’Ariston la poetica e l’anima musicale del cantautore bolognese attraverso l’interpretazione del suo storico collega e amico. Da “Il gigante e la bambina” ad “Attenti al lupo” passando per “Piazza Grande”, questi sono solo alcuni dei più grandi successi della musica italiana che testimoniano l’importante sodalizio artistico tra Ron e Lucio.

«L’invito da parte di Claudio Baglioni a cantare un brano inedito di Lucio Dalla a Sanremo mi ha profondamente colpito… non sapevo dell’esistenza di questa canzone – racconta Ron in merito alla sua partecipazione a Sanremo – È strano, nuovo e bello poter cantare un brano di un grande amico che non è più con noi, anche se per me Lucio non se n’è mai andato veramente. E mi affascina l’idea di poter interpretare qualcosa di suo, rimasto nascosto fino ad oggi, e di essere il portavoce di questo meraviglioso ricordo e omaggio. Ringrazio Claudio per questa opportunità unica e gli eredi di Lucio, grazie ai quali possiamo godere ancora tutti di nuove parole e musica di Lucio. Sarò a Sanremo dunque, con emozione, con la leggerezza e l’intensità che questo brano mi ha comunicato appena ho avuto la fortuna di ascoltarlo. E sono onorato di poter nuovamente condividere questa esperienza sul palco dell’Ariston con Lucio, come 46 anni fa… con “Piazza Grande”».

Questa sarà l’ottava volta in gara al Festival di Sanremo per RON che ha fatto il suo esordio sul palco dell’Ariston a soli 16 anni in coppia con Nada e ha vinto il Festival nel 1996 in coppia con Tosca con il brano “Vorrei incontrarti fra cent’anni”. La sua carriera come autore comincia nel 1972, quando scrive insieme a Dalla la musica di “Piazza Grande”, presentata poi a Sanremo da Lucio. Restano indimenticabili alcune sue canzoni tra le quali “Non abbiam bisogno di parole”, “Anima”, “Joe Temerario”, “Una città per cantare”, “Vorrei incontrarti fra cent’anni”, “Attenti al Lupo”.

Da non perdere i  due imperdibili concerti: il 6 maggio al Teatro dal Verme di Milano e il 7 maggio all’Auditorium Parco della Musica di Roma (Sala Sinopoli). Le prevendite saranno disponibili da venerdì 26 gennaio (ore 16.00) su Ticketone.it e da lunedì 29 gennaio (ore 16.00) nei punti vendita abituali.

Enzo Avitabile va a Sanremo e pubblica il primo “Best Of” della sua carriera

Enzo Avitabile va a Sanremo e pubblica il primo “Best Of” della sua carriera

Si intitola “PELLE DIFFERENTE” la raccolta antologica di ENZO AVITABILE in uscita il 9 febbraio, per  Sony Music. Due album – per un totale di 28 canzoni – con i successi del cantautore napoletano.

L’altra gran bella notizia è che, per la prima volta, ENZO AVITABILE sarà in gara al 68° FESTIVAL DI SANREMO con “Il coraggio di ogni giorno”. Si esibirà con PEPPE SERVILLO.

L’artista che più di ogni altro si è aperto alla sperimentazione è pronto a salire sul palco dell’Ariston per diffondere il proprio “messaggio” fatto di parole e suono.

IL “BEST OF”: PELLE DIFFERENTE

Artista sempre coerente con se stesso, aperto a nuove contaminazioni, umane e artistiche: 36 anni di carriera vissuta tutta d’un fiato raccontati in musica nella sua prima “summa” antologica dal titolo emblematico: “Pelle Differente”.

La musica come abbattimento dei confini. La musica come riscoperta delle proprie radici. La musica come parametro di vita: c’è tutto questo e molto altro ancora nel nuovo lavoro discografico di Enzo Avitabile. Un tentativo analogo lo fece il regista Premio Oscar Jonathan Demme quando, nel 2012, raccontò per fotogrammi il variegato percorso musicale dell’artista napoletano, a testimonianza della sua capacità, nel tempo, di “cambiare pelle”, uscendo da qualsiasi tipo di categoria musicale predefinita.

“PELLE DIFFERENTE” è quindi una guida nell’universo musicale di Avitabile, che premia la canzone cantautorale ed esprime la capacità di muoversi tra i suoni del mondo, conservando una propria autenticità e sposandola con i ritmi e gli stimoli provenienti dagli altri popoli. Questa l’essenza della sua musica: partire da forme codificate, per ritrovarsi in un nuovo linguaggio, che sfugge a qualsiasi definizione.

Il “best of” è un excursus sugli incontri artistici, sulle collaborazioni, sugli assemblaggi musicali sperimentati in tanti anni di carriera. Tutto s’intreccia e si confonde: generi, strumenti, musicisti: un esempio concreto di musica che non ha radici, fino ad arrivare all’inedita esperienza che lo attende, calcare il palco del teatro Ariston in occasione della 68° edizione del Festival della musica italiana.

La tracklist parte, inevitabilmente, con il brano “sanremese” Il coraggio di ogni giorno (Enzo Avitabile con Peppe Servillo) e continua con Respirando navigando; Abball’ cu me (feat. Khaled); Salvamm’ o munno (feat. Manu Dibango); Ànola trànola; Don Salvatò; Malincunìa; Tutt’ egual song’ ‘e criature (feat. Eliades Ochoa); Canta Palestina (feat. Amal Murkus); Nuie e ll’ acqua ( feat. Idir); Mane e mane (feat. Daby Touré); Soul express (feat. Toumani Diabaté & Mauro Pagani); No è no (feat. Franco Battiato); Gerardo nuvola ‘e povere (feat. Francesco Guccini); E ‘a maronn’ accumparett’ in Africa (feat. David Crosby). Il CD 2 contiene: Fratello Soul; Dolce Sweet “M”; Charlie; When I Believe; Gospel mio; Napoli Dance; S.O.S. Brothers ; Black Out; Alta tensione; Stella dissidente; Dies irae; Leave Me or Love Me; Solo.

Ed è così che nel booklet si alternano ai brani, anche scatti, ritratti e foto ricordo di Avitabile con alcuni dei suoi prestigiosi compagni di viaggi, incontrati in questi anni di carriera: James Brown, Tina Turner, David Crosby, Franco Battiato, Johnny Clegg, Djivan Gasparyan, Khaled, José Feliciano, Jonathan Demme, Toumani Diabaté, Dee Dee Bridgewater, Rita Marley, Ashraf Sharif Khan, Manu Dibango, Solomon Burke, Bob Geldof, Noa, Alvin Lee, Amina, Daby Touré e Cesaria Evora.

IL BRANO DI SANREMO: “IL CORAGGIO DI OGNI GIORNO”

È un’alchimia di emozioni e di linguaggi in movimento, testimonianza di un modo di fare l’altra musica, quella che va oltre le facili etichette: il brano scivola con naturalezza dall’italiano al dialetto, supera il concetto di “duetto” e si trasforma in un intenso dialogo reso possibile grazie alla collaborazione, fortemente voluta da Avitabile, con Peppe Servillo (vincitore al Festival di Sanremo nel 2000 con gli Avion Travel).

È un omaggio a tutti i “nessuno”, alla straordinarietà e al valore dell’uomo comune impegnato nella lotta quotidiana di arrivare a fine mese, di portare i figli all’università. Il brano si presenta con una formula espressiva innovativa, che, secondo un orientamento coerente con gli ultimi lavori dell’artista, “Black Tarantella” e “Lotto Infinito”, unisce diversi registri linguistici per raccontare, attraverso l’incrocio di suoni e gesti, l’esistenza dei “fuori di vista” – cioè coloro che vivono ai margini.

Pur nascendo dal tessuto sociale proprio dell’artista, come si legge nel brano in riferimento a Scampia – il brano perde ben presto i propri confini, superando stereotipi e luoghi comuni, per attingere invece nuove ispirazioni da tutte le fonti possibili, diventando così “musica del mondo”, inno alla vita e all’accoglienza.

Il testo è scritto a quattro mani dallo stesso Avitabile con Pacifico. Gli arrangiamenti portano la firma di Celso Valli. La produzione artistica è affidata ad Andrea Aragosa. La produzione esecutiva è di Mario Aragosa per Black Tarantella.

ENZO AVITABILE: FACCIA A FACCIA CON LA SUA CARRIERA

Vincitore di due premi Tenco, due David di Donatello, due Nastri d’argento, un Globo d’oro e un Ciak d’oro, a cui si aggiunge, nel 2017, il prestigioso Premio Ubu, per la colonna sonora del Vangelo di Pippo Delbono. Dal 1982 ad oggi ha inciso 17 album, macinato centinaia di concerti, scritto oltre 300 opere per quartetti, orchestre da camera e sinfoniche. Ora si prepara all’esordio al San Carlo, il 30 e il 31 marzo, in occasione del venerdì santo, con il suo “Tamburo a niro per voce recitante e orchestra”, fra Haydn e Mozart. A seguire un’altra produzione con il San Carlo, “L’ultimo Decamerone”, riscrittura originale dell’opera di Boccaccio nata dalla penna di Stefano Massini, di cui Avitabile firma le musiche originali.

La copertina di “PELLE DIFFERENTE”

Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico insieme con “Imparare ad amarsi”

Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico insieme con “Imparare ad amarsi”

Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico: un trio fortemente voluto dal direttore artistico.
Questa è una delle rarissime volte in cui un’artista italiana si esibisce sul palco del Teatro Ariston con gli autori della canzone in gara, “Imparare ad amarsi”. Cesare Chiodo e Antonio Fresa. Il progetto nasce da un’idea del produttore Mario Lavezzi fossero proprio gli autori, Tony Bungaro, Gino Pacifico, Cesare Chiodo e Antonio Fresa, ad accompagnarla sul palco. Del resto Ornella Vanoni ha sempre avuto grande considerazione degli autori, ritenendoli, com’è ovvio, artefici di qualsiasi espressione musicale. firmatarie, con altri numerosissimi autori, della petizione per la modifica de Canzone Italiana, che, guarda caso, anche grazie a Claudio Baglioni, con lei è stata applicata.
La loro partecipazione nasce quando Claudio Baglioni invia ad Ornella Vanoni il brano “Imparare ad amarsi” con un testo di Bungaro, ritenendolo perfetto per lei. In un primo momento, Ornella è titubante all’idea di prendere parte alla gara ma il refrain della canzone (“ lasciarsi” ) e la composizione musicale la colpiscono al punto d Festival.
Ornella e Bungaro chiedono a Pacifico di collaborare, “adattando” il testo della canzone secondo l’immaginario di Ornella e di renderlo più simile al suo modo di essere, mantenendo comunque parti del testo, che già l’avevano colpita.
Per Ornella Vanoni questa è l’ottava partecipazione, per Bungaro la quarta partecipazione mentre per Pacifico la seconda.

Durante il Festival usciranno anche i nuovi progetti discografici dei tre artisti:

Ornella Vanoni pubblicherà il 9 febbraio “Un pugno di stelle”, raccolta in tre dischi in cui saranno presenti due inediti: “Imparare ad amarsi” e “Gira in cerchio la vita”, cover di un brano di Idan Raichel.

Il primo cd è composto da duetti con artisti che hanno fatto la storia della musica italiana, il secondo raccoglierà i maggiori successi dell’artista dagli anni ’90 al 2013 mentre il terzo è una selezione dei brani storici e più significativi di Ornella Vanoni.

 

Questa la copertina:

Eva in gara tra le Nuove Proposte di Sanremo con “Cosa ti salverà”

Eva in gara tra le Nuove Proposte di Sanremo con “Cosa ti salverà”

Eva è tra gli otto finalisti della sezione Nuove Proposte del 68esimo Festival di Sanremo con il brano “Cosa ti salverà” – in radio e su tutte le piattaforme digitali da venerdì 26 gennaio.
Una ballad con venature rock esaltate dalla voce calda e graffiante della cantautrice veneta, un brano che invita a fermarsi dalle tante preoccupazioni, cercando di pensare anche a se stessi e a quello che può renderci davvero felici.

Fogli da bruciare, tagli da cucire, briciole di novità. Lettere di scuse, tele da riempire, giorni da perderti. Cuori da incendiare, chili da smaltire, pezzi di normalità, frasi da finire prima di lasciarti andare. Cosa ti salverà”, cita il testo che vede la collaborazione del giovane e stimato autore Antonio Di Martino.

Cantante, autrice, musicista, Eva ha già un vissuto importante: dopo il successo ottenuto ad X Factor, ha conquistato subito la stima di nomi eccellenti della musica come Manuel Agnelli (suo padre artistico) e Carmen Consoli (che l’ha scelta per l’apertura di alcuni suoi concerti). Eva in questi mesi si è così confrontata con diverse realtà e mood musicali, entrando in contesti molto vari e mostrando una straordinaria versatilità. E’ passata dal tour teatrale acustico della Consoli, alle aperture dei concerti partecipatissimi di Max Gazzè e degli Afterhours. Ha cantato in grandi festival musicali, dedicati soprattutto al rock e all’indie – come il MiAmi di Milano – dove è stata l’unica artista in cartellone proveniente da un talent -, l’Home Festival di Treviso e Collisioni a Barolo. Si è alternata sul palco di grandi star internazionali: a Firenze Rocks ha lasciato il microfono a Eddie Vedder, mentre a Suoni di Marca ha preceduto Franco Battiato.

 

 

 

Lorenzo Baglioni in gara tra le nuove proposte del Festival di Sanremo con il brano “Il congiuntivo”

Lorenzo Baglioni in gara tra le nuove proposte del Festival di Sanremo con il brano “Il congiuntivo”

Con oltre 6 milioni di visualizzazioni complessive sul web del brano “Il congiuntivo”, in radio e in digitale dal 26 gennaio, Lorenzo Baglioni si prepara a concorrere al 68° Festival di Sanremo nella sezione Nuove Proposte.

Il brano è un’irresistibile canzone pop che gioca con ironia e intenti didattici sul tanto bistrattato congiuntivo. Nel video (https://www.youtube.com/watch?v=8bfYQZPLCEA) Lorenzo prova ad insegnare l’uso del congiuntivo ad un impacciato corteggiatore che sta cercando di conquistare una ragazza innamorata di Dante Alighieri e della consecutio temporum.

“Il congiuntivo” mette in luce il talento di Lorenzo Baglioni – artista che spazia dal teatro al cinema e alla tv – e fa parte di un progetto ambizioso che il 16 febbraio prenderà il via con l’uscita dell’album di debuttoBella, Prof!“ cui farà seguito l’omonimo programma tv: un edutainment in onda a marzo su Sky Uno dove in 12 puntate Lorenzo toccherà materie scolastiche differenti dalla biologia alla fisica, dalla matematica al latino. Ogni episodio della durata di 5 minuti svelerà un videoclip inedito del nuovo album dal tono volutamente ironico e tagliente cui farà seguito una vera e propria lezione didattica presieduta da Lorenzo e un professore della materia affrontata, per un vero e proprio ripasso a tempo di musica!

La cover di “Bella, Prof!”

Luca Barbarossa: il nuovo album è “Roma è de tutti”

Luca Barbarossa: il nuovo album è “Roma è de tutti”

Luca Barbarossa sarà fra i protagonisti del prossimo Festival di Sanremo 2018 con il brano “Passami er sale”, canzone che anticipa il nuovo album del cantautore intitolato “Roma è de tutti”, in uscita il 9 febbraio.

Un album di inediti che esprime tutta la musicalità ed identità romana. Dentro ci sono anche due featuring: “Roma è de tutti” con Fiorella Mannoia e “Mudur (morte accidentale di un romano)” con Mannarino.

Questa la copertina:

 

 

 

 

I Decibel tornano con “L’anticristo”

I Decibel tornano con “L’anticristo”

Atteso ritorno al Festival di Sanremo per i DECIBEL che saranno in gara sul palco del Teatro Ariston, nella sezione Campioni, con “LETTERA DAL DUCA”, brano che sarà contenuto nel loro nuovo album d’inediti “L’ANTICRISTO(Sony Music Italy), in uscita il 16 febbraio.

A dirigere l’orchestra del Festival di Sanremo per i DECIBEL sarà il Maestro Roberto Rossi.

Nella copertina de “L’ANTICRISTO” Silvio Capeccia, Fulvio Muzio ed Enrico Ruggeri appaiono come tre manager in un futuro apocalittico: hanno gli occhi da rettile e l’aria di chi sta manovrando occultamente i destini dell’umanità.

Dopo la fortunata esperienza del 2017, con l’album Noblesse Oblige e il lungo tour i Decibel continuano a fare sul serio. Chi ha già ascoltato le nuove canzoni giura che “L’ANTICRISTO” è un lavoro destinato a segnare il cammino del rock italiano, ammesso che Enrico e soci siano in qualche modo etichettabili in un genere preciso…

Ermal Meta e Fabrizio Moro cantano “Non mi avete fatto niente”

Ermal Meta e Fabrizio Moro cantano “Non mi avete fatto niente”

Tornano sul palco dell’Ariston ERMAL META & FABRIZIO MORO, per la prima volta insieme, con il brano “NON MI AVETE FATTO NIENTE” (Mescal/Sony Music) scritto dai due cantautori insieme ad Andrea Febo. A dirigere l’orchestra sarà Diego Calvetti.

 Nella quarta serata del Festival, quella di venerdì 9 febbraio, Ermal e Fabrizio saranno affiancati da un ospite d’eccezione: SIMONE CRISTICCHI (attualmente impegnato nel tour del suo spettacolo teatrale “Il secondo figlio di Dio”) che racconta «“Non mi avete fatto niente, Non mi avete tolto niente…” La canzone è un inno alla vita, un urlo che si leva da un’umanità colpita ma che nei momenti più complessi e drammatici rinasce facendosi spazio verso il futuro, col sorriso di un bambino. Sono onorato di interpretare questo testo così importante, che ha l’aria di una sfida, il suono di una speranza. Grazie a Fabrizio Moro, a cui mi lega una grande stima reciproca e silenziosa, oltre a un Sanremo 2007 che ci ha visti vincitori. Grazie a Ermal Meta perché è la dimostrazione vivente che un sogno si può avverare, e la sua penna ha già lasciato tracce indelebili del suo talento».

Venerdì 9 febbraio usciranno anche i rispettivi progetti discografici che conterranno il brano sanremese. Per Ermal Meta un disco di inediti, “Non Abbiamo Armi” (Mescal), mentre per Fabrizio Moro un best con 13 suoi grandi successi, riarrangiati e rimasterizzati, più due inediti, “Parole Rumori E Anni” (Sony Music).

In primavera i due artisti saranno in concerto in importanti location: Ermal Meta il 28 aprile al Mediolanum Forum di Assago (MI) e Fabrizio Moro il 16 giugno allo Stadio Olimpico di Roma.

I biglietti per il concerto di Ermal Meta (prodotto da Mescal) sono disponibili su www.ticketone.it e nei punti vendita abituali. Per info www.mescalmusic.com. Radio 105 è media partner ufficiale di “NON ABBIAMO ARMI – IL CONCERTO”.

 

I biglietti per il concerto di Fabrizio Moro (prodotto da F&P Group) sono disponibili su www.ticketone.it e nei punti vendita abituali. Per info www.fepgourp.it. RTL è media partner ufficiale di “FABRIZIO MORO – STADIO OLIMPICO 2018”.